domenica 15 novembre 2015

ANTONIO FAGO: DOBBIAMO ESSERE PRONTI ALLA COP21

Dal 30 novembre al 11 dicembre del 2015, si terrà a Parigi la 21ª Conferenza delle Parti (COP 21) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) con l'obiettivo di concludere, per la prima volta in oltre venti anni di mediazione da parte delle Nazioni Unite, un accordo vincolante e universale sul clima, accettato da tutte le nazioni.

Da Sinistra: Roberto Leoni (presidente FSR),
Antonio Fago (vicepresidente FSR) e il Cardinale Crescenzio Sepe
Ma è proprio partendo dalla lettura dell'ultima encicica di Papa Francesco che arriviamo con lui a chiarire la situazione del nostro territorio, spesso martoriato dalla cattiva gestione della cura dell'ambiente. 


Lo ha dichiarato Antonio Fago a margine dell'incontro che si è avuto il 6 novembre scorso a Napoli con Fondazione Sorella Natura.  Ne ha parlato anche GreenReport. 

"Se non riuscitamo a salvare la Terra non sappiamo cosa lasceremo ai nostri figli. L’enciclica di Papa Francesco dedicata alla Custodia del Creato è infatti un documento di portata planetaria, destinato ad esser studiato, discusso, ricordato con profonda attenzione: dai cambiamenti climatici alla scomparsa di biodiversità allo sfruttamento  della Terra, allo spreco, ai rifiuti abbandonati a se stessi, a milioni di esseri umani deprivati di cibo ed acqua". 

"Dobbiamo avere la capacità, la prevenzione  e l'umiltà di non pensare al nostro benessere attuale ma costruire per un migliore benessere per i nostri figli.  Approfittare del presente danneggia tutta la collettività compresi i nostri familiari.  Chiamiamolo sentimento interiore, qualcosa che senti, una parte che tu puoi dare ad altri, ma che ritorna in bene anche a te stesso."
"Ed è per questo - conclude Antono Fago - che l’Italia si prepara con un convegno ribattezzato “Laudato Si” – in omaggio alla recente enciclica papale concentrata sulla salvaguardia dell’ambiente -, organizzato dalla Fondazione sorella natura e recentemente svoltosi a Napoli. Alla presenza dei rappresentanti della curia locale, e di quelli delle istituzioni e della società civile che operano in tema di protezione ambientale". 
Prendendo la parola al convegno il delegato regionale della Fondazione sorella natura Fabio Fago ha, infine, spiegato come questo convegno sia il primo mattone che la Fondazione ha posato per costruire una vera e propria consapevolezza del bene comune, e che molto dovrà essere fatto soprattutto nelle scuole, per educare al senso civico e alla salvaguardia dell’ambiente le nuove generazioni.  La Fondazione sorella natura sarà rappresentata alla conferenza delle Nazioni unite Cop 21 dalla vicepresidente Stefania Proietti, che parteciperà in qualità di ricercatrice sulla mitigazione dei cambiamenti climatici del dipartimento di Ingegneria della sostenibilità dell’Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma.


Nessun commento:

Posta un commento